parrocchia-pollone-diario02-min

La Parola per oggi

Dt 30,15-20; Sal 1; Lc 9,22-25

Al di là dello spazio e del tempo infinito, l’amore infinitamente più infinito di Dio viene ad afferrarci. Viene quando è la sua ora. Noi abbiamo facoltà di acconsentire ad accoglierlo o di rifiutare. Se restiamo sordi, egli torna e ritorna ancora, come un mendicante; ma un giorno, come un mendicante non torna più. Se noi acconsentiamo, Dio depone in noi un piccolo seme e se ne va. Da quel momento, a Dio non resta altro da fare, e a noi nemmeno, se non attendere. Dobbiamo soltanto non rimpiangere il consenso che abbiamo accordato, il sì nuziale. Non è facile come sembra, perché la crescita del seme, in noi, è dolorosa.

Inoltre, per il fatto stesso che accettiamo questa crescita, non possiamo fare a meno di distruggere ciò che potrebbe intralciarla, di estirpare le erbe cattive, di recidere la gramigna; purtroppo queste erbacce fanno parte della nostra stessa carne, per cui queste operazioni di giardinaggio sono cruente.

Il seme, tutto sommato, cresce da solo e viene un giorno in cui l’anima appartiene a Dio, un giorno in cui non soltanto acconsente all’amore ma ama veramente, effettivamente. Bisogna allora che essa, a sua volta, attraversi l’universo per giungere sino a Dio.

L’ anima non ama di un amore creato, come una creatura. Questo suo amore è divino, increato, perché essa è pervasa dall’amore di Dio per Dio. Dio solo è capace di amare Dio. Noi possiamo soltanto acconsentire a rinunciare ai nostri sentimenti per cedere il passo, nella nostra anima, a questo amore. Ecco che cosa significa rinnegare se stessi. Noi siamo creati solo per consentire a questo.

Simone Weil, Attesa di Dio, Milano, 1972, 97.

Questo passo di Simone Weil, filosofa, scrittrice, mistica francese (1909 – 1943), ci aiuta a capire cosa intende Gesù con l’espressione «prendere la propria croce», che, un po’ banalmente, comprendiamo come “accettare le cose brutte della vita”: penso non fosse necessario il Figlio di Dio per dirci questo. Credo che sia più corretto ciò che ci dice la Weil: solo se accogliamo Dio nella nostra vita, noi siamo capaci di amare davvero, perché Egli è l’amore. Solo l’amore è capace della Croce, di amare al di là delle proprie capacità, dei propri affetti e sentimenti. Paolo Borsellino aveva detto nella sua ultima intervista, pochi giorni prima dell’attentato che lo uccise in via D’Amelio: «Palermo non mi piaceva, per questo ho imparato ad amarla. Perché il vero amore consiste nell’amare ciò che non ci piace per poterlo cambiare».

In questa quaresima torniamo a Dio attraverso l’ascolto della sua Parola, i sacramenti, l’amore al prossimo che ci aiuta a rinunciare al necessario; così accoglieremo il Signore delle nostre vite e sapremo lasciarci cambiare dall’amore per cambiare, con l’amore, ciò che all’amore non piace.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest