parrocchia-pollone-diario02-min

L’inizio della fine

Dal primo libro di Samuele (1,24-28)

In quei giorni, Anna portò con sé Samuèle, con un giovenco di tre anni, un’efa di farina e un otre di vino, e lo introdusse nel tempio del Signore a Silo: era ancora un fanciullo.
Immolato il giovenco, presentarono il fanciullo a Eli e lei disse: «Perdona, mio signore. Per la tua vita, mio signore, io sono quella donna che era stata qui presso di te a pregare il Signore. Per questo fanciullo ho pregato e il Signore mi ha concesso la grazia che gli ho richiesto. Anch’io lascio che il Signore lo richieda: per tutti i giorni della sua vita egli è richiesto per il Signore».
E si prostrarono là davanti al Signore.

Cantico 1 Sam 2

Il mio cuore esulta nel Signore,
la mia forza s’innalza grazie al mio Dio.
Si apre la mia bocca contro i miei nemici,
perché io gioisco per la tua salvezza.

L’arco dei forti s’è spezzato,
ma i deboli si sono rivestiti di vigore.
I sazi si sono venduti per un pane,
hanno smesso di farlo gli affamati.
La sterile ha partorito sette volte
e la ricca di figli è sfiorita.

Il Signore fa morire e fa vivere,
scendere agli inferi e risalire.
Il Signore rende povero e arricchisce,
abbassa ed esalta.

Solleva dalla polvere il debole,
dall’immondizia rialza il povero,
per farli sedere con i nobili
e assegnare loro un trono di gloria.

Dal Vangelo secondo Luca (1,46-55)

In quel tempo, Maria disse:
«L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome;
di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre».

C’è un legame inscindibile tra Annunciazione e Magnificat. L’accadimento dell’Incarnazione del Verbo eterno nel grembo della vergine Maria è l’inizio di una nuova stagione del mondo, cantata dal Magnificat: la salvezza è iniziata e una giovane donna di Israele può cantare che Dio ha già vinto, nascostamente profetizzando la Pasqua e la Parusia, il mondo che verrà, la fine dei tempi. Il Magnificat diventa in questo modo una profezia basata sulla certa fede che Dio nel Verbo incarnato ha già vinto sul male: il tempo che noi viviamo è già parte di quello nuovo, preparato dalle storie degli uomini e delle donne, dalle ere storiche, dai movimenti cosmici. La pienezza non è ancora arrivata, ma l’evento cristologico ne è già la promessa certa: allora si può – e in un certo senso si deve – cantare il Magnificat.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest